Storia

L’U.S. Pro Salerno viene fondata nel 1963, e inizialmente svolge solo attività giovanili conseguendo importanti risultati. Il Dott. Fiore Pasquale, il rag. Casaburi e De Luca Pasquale sono tra i dirigenti più operativi. Dopo una breve parentesi in 3^ Categoria, la Pro Salerno nel 1965 parteciperà al campionato di 2^ Categoria, un campionato positivo con una formazione composta per lo più da giovani. Nel 1966 la Pro Salerno parte con obiettivi più ambiziosi grazie all’ingresso in società del dott. Rescigno e del dott. Grimaldi; infatti i gialloblu vincono il campionato e la stagione successiva partecipano al neonato campionato regionale di Eccellenza dove la Pro Salerno sarà tra i protagonisti, concludendo al 4° posto e divenendo la seconda realtà cittadina. Seguiranno altre tre importanti stagioni ma l’apice arriva nella stagione 1970/1971 quando la società dei tre farmacisti ottiene l’ammissione al campionato di serie D per la rinuncia della Barrese, e nel campionato seguente si ottiene un 8^ posto.

L’anno successivo si punta al salto in serie C e viene costruita dal direttore Carmine Longo una formazione di spessore, la quale arriva a giocarsi la promozione in serie C fino all’ultimo con Benevento e Nocerina. Nel 1973 la Pro Salerno conferma le proprie ambizioni nella coppa Italia semiprofessionisti, passa il primo turno in un girone a tre con Castrovillari e Salernitana, ottenendo una storica vittoria contro i cugini granata. Negli anni a seguire le cose non andranno molto bene: infatti verrà venduto il titolo a Cava de’ Tirreni, e poi nel 1983 si riparte dalla 3^ Categoria.

Ricomincia così la cavalcata gialloblu, che trova il suo massimo nel 1992/1993 con in panchina il sanguigno Eziolino Capuano, ottenendo un ottimo 2^ posto; perde però gli spareggi per salire in Eccellenza contro il Comprensorio Puteolano. Nel 1994 la Pro Salerno è ripescata nel campionato Nazionale Dilettanti. I ragazzi salernitani hanno un ottimo inizio, seguito però da un disastroso girone di ritorno che termina con un’immediata retrocessione in Eccellenza; quindi i farmacisti decidono di vendere il titolo ad Eboli segnando la scomparsa dal panorama calcistico salernitano.

Arriviamo ai giorni nostri quando nel marzo del 2014 un ex calciatore della Pro Salerno, Lucio Delle Serre, insieme a Michele Paglionico riprende il vecchio logo e la denominazione sociale, dando vita alla nuova Pro Salerno che opererà nel settore giovanile e nei dilettanti partendo dalla 1^ Categoria. con il titolo acquisito dalla Rinascita Fuorni. La stagione non si rivela positiva e infatti si retrocede in 2^ Categoria; ed allora si decide di non iscriversi ad alcun campionato dilettantistico ma di ripartire dal settore giovanile con Michele Paglionico come Presidente e l’uscita di scena di Delle Serre.
Ad Maiora